sabato 5 marzo 2011

LE CIAMBELLINE DI PATATE DELLA MIA INFANZIA




Queste ciambelline hanno segnato per molti anni il carnevale della mia famiglia. Erano insieme alle chicchiere o frappe (chiamatele come volete) il dolce che rappresentava il nostro periodo di carnevale. Poi un anno mia madre realizzò doppia dose di queste buonissime ciambelline, ne vennero così tante che per contenerle dovemmo utilizzare una bacinella enorme da bucato ricoperta di tutto punto con stagnola, carta assorbente e una tovaglia che serviva anche per coprirle. La tovaglia che fungeva da coperchio non fu mai usata, io e mio fratello mangiammo quasi tutte le ciambelline, tranne una decina che lasciammo per mio padre. Non è difficile capire che da allora, saranno passati 15 anni, la ricetta 'ciambelline di patate' venne depennata, solo sentirne parlare ci faceva venire la nausea, fino alla scorsa settimana, quando dopo molto tempo mia madre alla domanda 'che dolce vi posso fare?' si sentì rispondere 'dato che siamo nel periodo carnevalesco ci vuole qualcosa di fritto e quindi ciambeline di patate come quando eravamo piccoli. Però mamma fai metà dose!!!'

E quindi CIAMBELLINE DI PATATE sia:

  • 1 kg di patate
  • 1 kg di farina 00
  • 6 uova
  • 70 g di lievito di birra
  • 100 g di burro fuso
  • 50 ml di latte tiepido
  • scorza di 2 limoni grattugiata
  • un pizzico di sale
  • olio di arachidi per friggere
  • zucchero semolato in cui rotolare le ciambelline

Lessare le patate con tutta la buccia, sbucciare e shiacciare. Lasciare raffreddare completamente.

Sciogliere il lievito nel latte tiepido. Disporre a fontana le patate schiacciate mescolate alla farina, al centro versare il lievito sciolto nel latte, le uova, il burro fuso, un pizzico di sale e la scorza dei limoni. Impastare, se necessario aggiungere ancora poca farina. Porre in una capiente ciotola e lasciare lievitare per 2 ore circa.

Riprendere l'impasto e con le mani formare delle piccole ciambelline, disporre su un piano infarinato e lasciare lievitare ancora per 40 minuti - 1 ora.

Scaldare abbondante olio di arachidi, portare ad una temperatura non troppo elevata altrimenti bruciano all'esterno ma non cuociono all'interno. Tuffare poche ciambelline alla volta, friggere da entrambi i lati, scolare su carta assorbente e rotolare immediatamente nello zucchero semolato.

Avvertenze: cercate di resistere e di non mangiarle immediatamente...scottano, aspettate almeno 2 minuti!!!

Ovviamente mangiate in giornata sono strabuone, ma se proprio vi avanzano, anche il giorno dopo non sono male, induriscono un pò, però sono buone ugualmente.

1 commento:

  1. Ciao!
    Ho appena pubblicato i premi del contest...
    Se ti va passa a dargli un occhio!!!
    Buona Domenica
    Un bacio

    RispondiElimina